Bonus Chef 2021: come funziona e requisiti

25 Febbraio 2021 Postato da: Antobar Professional Consigli
Bonus Chef 2021: che cos’è, come funziona e requisiti

Questo 2020 si è certamente mostrato un anno parecchio complicato da affrontare, in particolar modo per tutti coloro che da anni lavorano nella ristorazione, si tratta infatti di uno dei settori che è risultato più colpito dal punto di vista economico, per tale ragione necessita senza dubbio di alcune agevolazioni nella ripresa. A tal proposito è stata avanzata una proposta nella legge di bilancio che potrebbe dare nuova vita alla ristorazione italiana, si tratta del bonus chef 2021.

Più precisamente si tratta di un’agevolazione fiscale che punta ad agevolare il lavoro degli chef professionisti permettendo loro di usufruire di agevolazioni fiscali per svolgere dei corsi di formazione, oppure per ampliare la loro strumentazione. Dunque l’obiettivo è proprio quello di fornire agli chef professionisti tutto ciò che hanno bisogno affinché possano ripartire con una marcia in più.

Come funziona il Bonus Chef?

Probabilmente è la vera domanda che tutti si staranno ponendo, tuttavia la risposta sarà molto più semplice di quanto si possa immaginare. Il bonus chef 2021 prevede delle agevolazioni fiscali che vanno fino al 40% della spesa complessiva, per un massimo di 6.000 euro, il che significa che la soglia massima che può essere raggiunta è quella di 15.000 euro. Questa detrazione può anche essere ceduta a intermediari finanziari sotto forma di credito pur mantenendo invariato il funzionamento.

L’obiettivo ultimo di tale provvedimento è quello di facilitare la ripresa economica dei ristoratori fornendo loro tutti gli strumenti di cui necessitano riducendone di gran lunga le spese. Questo provvedimento è stato varato per totale di spesa di 1 milione di euro per il 2021 e sarà valido per il periodo che andrà dal 1 gennaio fino al 30 giugno del 2021. Inoltre sarà disponibile anche nei due anni successivi, tuttavia la cifra stanziata rimarrà invariata. La vera domanda è: chi può accedere a questo bonus chef? Quali sono i requisiti che bisogna rispettare?

Quali sono i requisiti per il Bonus Chef?

Sicuramente il bonus chef può rappresentare un ottimo strumento per riportare in vita la ristorazione italiana, tuttavia sorge spontanea l’ennesima domanda: chi sono i soggetti che possono accedere a questo compenso economico? Il provvedimento parla chiaro a tal proposito: si deve trattare di chef professionisti, i quali possono lavorare in hotel, ristoranti ed anche lavoratori autonomi con partita IVA, anche senza codice ATECO 5.2.2.1.0.

Infatti viene specificato che non bisogna obbligatoriamente esserne dipendente, ma si può trattare anche di una propria impresa all’interno della quale si lavora. Come accennato precedentemente, affinché si possa accedere a questo bonus è necessario effettuare la richiesta prima del 30 giugno 2021.

Inoltre vengono messe in evidenza tutte le spese per cui è possibile riceverlo, in particolar modo vi sono: l’acquisto di macchinari e attrezzature durevoli come le cucine professionali Electrolux, di classe energetica più alta rispetto a quelli posseduti, il provvedimento vale sia per gli strumenti di conservazione che per quelli di lavorazione e cottura degli alimenti. Tuttavia nelle spese sono inclusi anche gli utensili utili alla ristorazione in sè, oppure il costo di corsi di aggiornamento.

Nella prima ipotesi è fondamentale sottolineare che si tratta di tutti quegli attrezzi che possono agevolare il lavoro all’interno delle cucine, infatti molti chef non possono sostenere spese molto elevate per questi strumenti e tendono ad utilizzare per diversi anni gli stessi apparecchi.
Così facendo sarà possibile restaurare molte delle cucine italiane e permettere agli chef di ripartire. Tuttavia rimane ancora una domanda a cui rispondere: come si richiede il bonus chef?

Bonus chef: come richiederlo?

Questa Agevolazione fiscale probabilmente sarà in grado di aiutare numerosi chef ad alleviare il peso delle loro spese economiche, ma… come può essere richiesto? La legge di bilancio prevede che questa detrazione avvenga secondo una compensazione tramite modello F24. Inoltre è utile sottolineare che il bonus in questione è escluso da IRAP e IRPEF e non influenza in alcun modo al rapporto di deducibilità.

Domanda per il Bonus Chef 2021

Riepilogando quindi, il bonus chef, previsto dalla Legge di Bilancio e indirizzato alle cucine sia di alberghi che ristoranti, consiste in un rimborso delle spese pari al 40 % attribuito ai crediti d’imposta, equivalente fino a massimo 6000 euro.

Con il suddetto bonus è possibile procedere all’acquisto di beni strumentali (utensili, impianti, strumentazioni e macchinari durevoli). In questa maniera viene incentivata la ripresa economica dei ristoratori, facendo sì che le loro spese vengano ridotte notevolmente. Si tratta, dunque, di un ottimo aiuto economico per il periodo che il Paese sta affrontando.

Il bonus chef spetta a lavoratori dipendenti e autonomi con Partita IVA. Non esiste per ora una vera e propria domanda, ma la Legge di Bilancio, indica l’attivazione del bonus tramite una compensazione nel modello F24: un modello escluso da tasse IRPEF e IRAP, il che avvantaggia molto i lavoratori.

Compila il modulo per una consulenza senza impegno nell’acquisto di
attrezzature innovative da poter inserire nel Bonus Chef 2021. 

Ti contatteremo il prima possibile per chiarire ogni tuo dubbio.

  • I campi contrassegnati da * sono obbligatori.